MODENA E LA SECCHIA RAPITA

prendendo spunto da un francobollo ben noto ai collezionisti, di seguito i documenti sulla secchia custodita nel palazzo comunale modenese (Camerino dei Confirmati)

il francobollo italiano del 1965 dedicato ad Alessandro Tassoni nel cinquecentenario della nascita. Nel francobollo un riferimento alla "secchia rapita" sulla quale il Tassoni scrisse un famoso poema, pubblicato nel 1621 a Parigi e poi - nella versione definitiva- nel 1630 a Venezia. Nell'emissione filatelica, oltre al ritratto del poeta, è riportato il disegno di un'incisione del 1744.
Anche i modenesi -già nel 1860 circa- hanno ricordato il poeta con un monumento marmoreo dello scultore Alessandro Cavazza, nei pressi della storica Torre Ghirlandina.

l'originale della famosa secchia è ubicata nel Camerino dei Confirmati nel palazzo comunale di Modena; un copia sta invece nella torre Ghirlandina. La secchia fu simbolicamente conquistata dai modenesi in un pozzo bolognese durante uno degli episodi della battaglia di Zappolino del 1325.  Dello scontro sanguinoso e senza effettive conseguenze politiche, è rimasto questo cimelio. Come anticipavamo, la vicenda medievale fu comunque utile al Tassoni per la composizione del famoso poema eroico-comico. 



 

La Battaglia della Secchia Rapita

liber liber: il poema in pdf

di seguito alcuni versi "sparsi" del poema

Vorrei cantar quel memorando sdegno

ch'infiammò già ne' fieri petti umani

un'infelice e vil Secchia di legno

che tolsero a i Petroni i Gemignani.

Febo che mi raggiri entro lo 'ngegno

l'orribil guerra e gl'accidenti strani,

tu che sai poetar servimi d'aio

e tiemmi per le maniche del saio.

°°°°°°°

Mandano i Bolognesi ambasciatori

due volte a dimandar la Secchia in vano:

onde con fieri ed ostinati cori

s'armano quinci e quindi il monte e 'l piano.

Chiamano Giove a concilio i Dei minori,

contendono fra lor Marte e Vulcano:

Venere si ritira e si diparte,

e 'n terra se ne vien con Bacco e Marte.



°°°°°°°

 

link utili su Modena  reportage  percorsi

francobollo del 1985 con i luoghi della secchia di Modena: il duomo (casa di S. Geminiano), la torre Ghirlandina ed il palazzo comunale
L'autentica secchia fu spostata dalla torre al palazzo comunale dopo un episodio goliardico di alcuni bolognesi;
nell'antico luogo pertanto c'è ora la copia. A Bologna c'è invece ancora memoria del pozzo dal quale deriva la secchia

sopra: foto ingrandibili della piazza antistante il duomo di Modena (alpav 2009 dir.ris.)

 


home